Cammino del Nord. Giorno 14 – Da Santoña a Noja

Sveglia con più calma stamattina, ci mettiamo in marcia verso Noja e dopo pochi minuti siamo già fuori dal paese.

Imbocchiamo un sentiero nel bosco che costeggia la costa che ci porterà alla Playa de Berria. La spiaggia è semi deserta, bellissima, ci sono solo 2 gruppi di scuole di surf che fanno riscaldamento prima di iniziare a cavalcare le onde dell’oceano… ma scusa, quali onde? Oggi il mare è una tavola!

Attraversiamo la spiaggia sul bagnasciuga e ci arrampichiamo sul promontorio che la divide dalla Playa de Trengandin. Si apre una vista strepitosa a 180 gradi sul mare cantabrico. Il sentiero di sabbia che oltrepassa il promontorio è un via vai di pellegrini, corridori e ciclisti con bici in spalla. Ciclisti? Chissà dove andranno…

Arrivati al mirador appaiono gli oltre 5 km di sabbia fina che portano a Noja, piccola località balneare anni ‘70. Il mare è cristallino, la voglia di fare un bagno è irresistibile.

Via scarpe e calzini e ci tuffiamo, siamo ancora una volta stupiti dai colori e dalla bellezza. Sembra di stare ai Caraibi.

Mare mare Mare!

Ancora bagnati, in costume e a piedi scalzi ci rimettiamo in marcia. Il nostro ingenuo intento è quello di farci tutti i 5 km con i piedi nell’acqua. Errore! Dopo 2 km siamo distrutti, gli zaini cominciano a pesare il triplo e le articolazioni gridano pietà!

Al terzo chilometro decidiamo di proseguire sulla carretera, nel frattempo la città si è svegliata è riversata in spiaggia. Il bagnasciuga sembra piazza San Marco durante il carnevale: troppa gente, troppo caldo e troppo male ai piedi.

Entriamo a Noja dove la cattedrale è dedicata a San Pedro. È l’ultima tappa del nostro cammino. Pietro annuisce con un malcelato sorriso.

Il nostro ultimo timbro sarà quello di San Pedro de Noja!

San Pedro da Noja

Vai alla tappa successiva
del Cammino del Nord:
Santander

Vai alla tappa precedente
del Cammino del Nord:
Giorno 13
Da El Pontarron de Gurriezo a Santoña

Total
31
Shares